Il restauro

La prima fase del progetto Convitto Art Lab prevede un intervento di manutenzione ordinaria degli spazi individuati all’interno del Convitto per ospitare il programma delle attività progettuali.

L’edificio Scolastico, che sorge alle spalle della Cattedrale di Palermo, fa parte del patrimonio storico architettonico della città. La sua storia comincia quando i Padri Gesuiti a Palermo, acquistate e poi demolite alcune costruzioni e abitazioni sul Cassaro, iniziarono nel 1586 la realizzazione di un grandioso edificio destinato a scuole che prese il nome di Collegio Massimo, detto anche Nuovo, completato tra il 1675 e il 1695. Dopo l’espulsione dell’ordine dei Gesuiti nel 1767, il Collegio Massimo fu suddiviso in Real Biblioteca e Real Convitto Ferdinando (l’attuale Convitto Giovanni Falcone).

L’area riqualificata attraverso il progetto Convitto Art Lab ricade in uno spazio molto suggestivo, che si affaccia sul grande cortile interno, attualmente non più in uso, ma precedentemente destinato a spogliatoio e zona docce utilizzate dai convittori. Il locale, denominato “ex docce”, era da lungo tempo inutilizzato poiché non più adeguato alle normative igienico sanitarie vigenti.

L’intervento manutentivo ha ripristinato lo stato originario del salone per adibirlo a spazio laboratoriale ed espositivo.

Annunci